Come Seminare in un Orto

In ogni periodo dell’anno l’orto può essere produttivo. In estate in particolare esso ci regala melanzane, zucchine, pomodori e peperoni in abbondanza, mentre in inverno massimamente cavoli e broccoli. Certo la riuscita di un buon raccolto passa innanzitutto dal sapere seminare e dall’avere una attrezzatura adatta (zappa,vanga, rastrello) per fare le operazioni di rito.

Zappetta e rastrella il pezzo di terreno che hai destinato alla semina, in modo da rendere il terreno più fine ed eliminare i granuli. Pratica nel terreno delle “file” e spargi il seme, tenendone in mano una certa quantità e facendolo scorrere nelle file del terreno a poco a poco tra pollice e indice.
Non spargere mai il seme direttamente dalla busta, perchè incorreresti nell’inconveniente di una semina ravvicinata e fitta e nello spreco di semi.

Rispetta, in massima parte, certe profondità d’interramento semi. Ad esempio per piselli, mais, fave, fagioli, fagiolini non dovrai andare oltre i 10 cm (ti regolerai ad occhio). Per altre varietà ortive l’interramento deve essere molto in superficie (5-10 mm di profondità). Il non rispetto di queste profondità può compromettere la tua semina. Infatti un eccessivo interramento comporta la non fuoriuscita della piantina.

Una volta sparso il seme nelle “file”, prendi il rastrello e ricopri il tutto di terra, pressando alquanto, col dorso dell’attrezzo, il seme perchè esso si assesti bene nel terreno. Innaffia dolcemente la parte di terreno seminato. Nel periodo successivo alla semina devi tenere costantemente umido il terreno con innaffiature, assolutamente non violente. Il non rispetto di questa regola ti comporterà una deriva del terreno e conseguentemente dello stesso seme. Ti consiglio nei primi tempi l’ uso precauzionale dell’innaffiatoio. Le innaffiature dovranno essere effettuate nelle prime ore del mattino o subito dopo il tramonto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *