Come Disporre i Tappeti Persiani

Per quanto questi manufatti nascano per essere stesi a terra e calpestati, è infatti intuitivo che sarebbe meglio non mettere un tappeto delicato lungo un percorso molto frequentato, come ad esempio un corridoio, un ingresso, o sotto il tavolo da pranzo. In questa guida ti dirò quali accorgimenti seguire se vuoi mettere un tappeto sotto un tavolo o un divano, e come comportarti se è necessario disporlo lungo un percorso abituale o davanti a una finestra.

Come tutti i tessuti, anche il tappeto teme la luce diretta del sole, che fa scolorire il vello creando antiestetiche macchie più chiare. Per quanto è possibile quindi evita di disporre i tappeti vicino a una finestra o fai in modo che davanti alla finestra ci sia sempre almeno il filtro di una tenda. In ogni caso, sia perché la luce non cada sempre sullo stesso punto, sia per evitare l’usura determinata dal continuo passaggio lungo gli stessi percorsi.

Cambia ogni tanto la disposizione dei tuoi tappeti, ma se questo non è possibile, falli ruotare di 180 gradu due o tre volte l’anno. Per evitare un’usura eccessiva, evita di trascinare sedie o poltrone quando devi spostarle e ricordati invece sempre di sollevarle. Infatti sia le poltrone, i divani o mobili molto pesanti, schiacciano il vello, creando delle ammaccature. Puoi eliminarle spazzolando il tappeto contropelo con una spazzola umida.

Quando la lana è quasi asciutta, spazzola di nuovo, ma questa volta assecondando la piega del vello. Anche in questo caso però è meglio prevenire i danni: evita quindi di appoggiare mobili pesanti sul tappeto, oppure metti dei dischetti di feltro sotto i loro sostegni per allargare la superficie d’appoggio e distribuire il peso su un’area più ampia. Se invece il tuo tappeto si muove, per tenerlo fermo metti sotto di esso la rete antisdrucciolo o il sottotappeto il lattice, tagliandoli più piccoli del tappeto.

Se per un qualsiasi motivo vuoi riporre, quindi conservare un tappeto, dopo averlo pulito seguendo questa guida sulla pulizia dei tappeti persiani, arrotolalo su se stesso, senza stringerlo troppo. Poi avvolgilo in un telo all’interno del quale avrai messo qualche pezzo di canfora, avvolta in carta velina per non macchiare il vello. Evita di usare sacchi o teli di plastica che non lasciano respirare il tessuto o la carta di giornale, perché si potrebbero creare macchie scure lasciate dall’inchiostro tipografico.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *